La seconda vita dei capi inutilizzati

February 21, 2017

 

Un nuovo trend nella moda basato semplicemente sul principio di trasformare e personalizzare i capi di abbigliamento inutilizzati o di seconda mano in nuovi abiti, attraverso tecniche artigianali tradizionali e non.
 Obiettivo dei progetti di riciclo è quello di creare e produrre capi per clienti privati e/o fashion company, attingendo dai magazzini aziendali, guardaroba personali o attraverso collezionisti d’epoca e mercati vintage. Questa interessante iniziativa presentata a Pitti Uomo Firenze nell’edizione passata ha riscosso, ovviamente, il giusto interesse da parte di media e buyers. Nel mondo fashion, purtroppo, si produce molto di più rispetto a quanto si consuma, con un danno sia per la creatività e sia per l’ambiente. Il riutilizzo “inventivo” di stock esistenti è una delle interessanti soluzioni contro l’eccesso di abiti senza più anima, che accomuna città come Los Angeles, Tokyo, New York, e l'Italia. Dietro al back stage ci sono creativi e consulenti con alle spalle esperienze professionali per top brand, alla ricerca continua di tessuti applicati a forme contemporanee, riconfigurando capi vintage, interpretandoli, trasformandoli, riparandoli e rendendoli pezzi unici, dove ogni capo è diverso dall’altro, diventando unico. Un processo di trasformazione che nasce dal dialogo con ogni singolo pezzo e che richiede creatività, innovazione, tecnica: il risultato finale sono abiti “vivi” che hanno sulla loro superficie, tra strappi rammendati, toppe e alterazioni, una loro personale bellezza che è l’esatto contrario della serialitá industriale. Un mood che al momento raggiunge un target di nicchia e indubbiamente metropolitano, ma il principio di base, l’idea, potrebbe essere esteso anche ad altri contesti, riservandoci grande sorprese per il futuro.

Please reload

Post in evidenza

busy at this moment

August 23, 2016

1/1
Please reload

Post recenti

February 22, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag